fiorano oggi quotidiano on line di informazione.
ULTIMA EDIZIONE DEL TG
 

Il presidente del consiglio comunale lancia un appello: una parte della tassazione Imu ai Comuni

Il presidente del consiglio comunale lancia un appello: una parte della tassazione Imu ai Comuni

venerdì 31 luglio 2020
di Maria Pettinato

Alessandro Reginato, presidente del consiglio comunale di Fiorano, lancia un appello e chiede a Parlamento e Governo di lasciare il 30% degli introiti dell’IMU, derivanti dagli immobili di categoria D (capannoni aziendali), direttamente ai vari Comuni. Un appello che ha già avuto l’appoggio di alcuni sindaci dell’Unione, tra cui anche Sassuolo, Maranello e Formigine.
“La grave situazione economica e sociale che si è venuta a creare su tutto il territorio nazionale a seguito della pandemia da COVID-19, che ha colpito in particolare le regioni del Nord-Italia, - ha dichiarato Reginato - ha reso particolarmente penalizzante per le amministrazioni locali il trasferimento allo Stato di due terzi dell’IMU versata dalle aziende proprietarie di capannoni, immobili classificati nella categoria D. Come presidente del consiglio di Fiorano Modenese, ho chiesto ai miei corrispondenti dei Comuni di Maranello, Sassuolo e Formigine di proporre ai rispettivi consigli comunali un ordine del giorno con cui chiediamo al Parlamento di lasciare, per gli anni 2020/2021/2022, il 30% di detta tassazione direttamente ai comuni. In questo modo le amministrazioni avrebbero a disposizione immediata le maggiori risorse necessarie per affrontare i problemi presenti e futuri arrecati dalla pandemia, con minore aggravio burocratico e disponibilità di intervento sulla aumentata spesa corrente; le somme non trasferite allo stato sarebbero molto utili in attesa dei fondi europei che, come tutti sappiamo, non arriveranno prima del 2021. Tutti i consigli menzionati hanno approvato all’unanimità questo ordine del giorno e ora mi sono attivato sensibilizzando anche gli altri comuni del distretto ceramico (Prignano, Frassinoro, Palagano e Montefiorino) e i comuni di Castellarano, Casalgrande, Scandiano, Rubiera e Viano. Ho inviato l’ordine del giorno anche ad Andrea Gnassi, Sindaco di Rimini e rappresentante della Regione Emilia Romagna in seno all'Anci, chiedendogli di sensibilizzare altri comuni della regione e in questo modo allargare il bacino dei richiedenti. A breve, tutti i Parlamentari eletti nelle circoscrizioni dell'Emilia Romagna riceveranno, a nome dei comuni che aderiranno all’iniziativa, i documenti approvati dai consigli comunali. Chiediamo Loro che si facciano portavoce in parlamento di questa motivata richiesta, in maniera trasversale e condivisa, con la finalità di agevolare l'amministrazione dei territori di cui sono rappresentanti”.


 


  • Target Group

  • Florim